Bertolaso all’Aquila. Vietato contestare l’ennesima “facciata mediatica”. E la deroga sui riti religiosi

Posted in Comando e Controllo, L'Aquila 2009, L'Aquila 2010 on June 11th, 2010 by Alberto

Oggi Guido Bertolaso è andato all’Aquila insieme a Gianni Letta per inaugurare la facciata restaurata della Basilica di Santa Maria di Collemaggio.

L’ennesimo miracolo di Governo e Protezione Civile nel post-terremoto aquilano, penseranno gli italiani. E invece si tratta dell’ “Ennesima facciata mediatica”, come recita uno striscione esposto da alcuni manifestanti.

Perché la facciata di Collemaggio, come sanno molto bene tutti gli aquilani e come è bene che sappiano tutti gli altri, era in ristrutturazione – e quindi con impalcatura e puntelli – ben prima del terremoto del 6 aprile 2009. Motivo per cui non è crollata alle 3:32 di quella notte infausta.

Motivo per cui questa inaugurazione non ha nulla a che vedere con Guido Bertolaso, che pure non perde occasione per allungare il già interminabile elenco di eventi pubblici in cui ricopre il ruolo del superuomo che ha salvato L’Aquila e i suoi abitanti.

Sul sito ufficiale della Protezione Civile la notizia è in rilievo: “La facciata “dis-velata” della Basilica di Collemaggio”. Il comunicato dell’efficientissimo ufficio stampa del Dipartimento comincia così: “Liberata dai ponteggi che ne hanno permesso il consolidamento e il restauro, in seguito al terremoto del 6 aprile 2009, si inaugura oggi all’Aquila la facciata della Basilica di Collemaggio. 

La cerimonia si svolge alla presenza del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Gianni Letta e del Capo della Protezione Civile Guido Bertolaso. Partecipano anche l’Arcivescovo dell’Aquila, Giuseppe Molinari e il vescovo ausiliario, Monsignor Giovanni D’Ercole. ”

Alcuni aquilani si sono recati nel piazzale, con striscioni, cartelloni e pistole ad acqua, per contestare e per ironizzare sulle recenti esternazioni del premier Silvio Berlusconi, che aveva detto di temere che qualcuno potesse sparare in testa agli uomini della Protezione Civile.

Ma la contestazione è stata “oscurata”: pur di non esporle agli slogan scherzosi dei manifestanti, le personalità presenti sono fatte passare attraverso la Porta Santa, che normalmente viene aperta una volta all’anno, il 28 e il 29 agosto, in occasione della Perdonanza: chi la attraversa beneficia del perdono dei propri peccati.

Pare dunque che oggi all’Aquila si sia andati in deroga persino al rito religioso: Letta, Bertolaso e compagnia si sono presi il perdono l’11 di giugno, fuori stagione. E senza il bisogno di un’ordinanza di Protezione Civile

Non si è andati in deroga, invece, al “Comando e controllo” che da oltre un anno imperversa sul territorio aquilano: come racconta Sara Vegni, la ventina di manifestanti – erano presenti alcuni membri del 3e32 e altre persone comuni, fra cui docenti universitari – è stata allontanata in modo brusco dalle forze dell’ordine, che hanno strattonato qua e là e strappato via di mano ai manifestanti cartelli e striscioni.

All’Aquila è vietato contestare.

Tags: , , , , ,

La legge bavaglio

Posted in Media, Politica on June 11th, 2010 by Alberto

Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported
This work by Shockjournalism is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported.