Wikileaks sulla Croce rossa

Posted in Senza categoria on January 17th, 2011 by Alberto

Di seguito, il cablogramma pubblicato da Wikileaks a proposito di un rapporto confidenziale che la Croce rossa trasmette agli Stati Uniti. C’è un elenco dettagliato delle torture cui il governo indiano sottopone i civilli del Kashmir per estorcere loro informazioni.

La Croce rossa sapeva. Ma ha taciuto, se non per via diplomatica. In nome del principio della neutralità.

Ecco il testo del cablo.

Wednesday, 06 April 2005, 13:56
S E C R E T SECTION 01 OF 03 NEW DELHI 002606
SIPDIS
EO 12958 DECL: 04/05/2015
TAGS PHUM, PREL, PTER, IN, PK, Human Rights
SUBJECT: ICRC FRUSTRATED WITH INDIAN GOVERNMENT
Classified By: DCM Robert O. Blake, Jr. for Reasons 1.4 (B, D)
Summary

1. The International Committee of the Red Cross – which communicates its findings only to governments and shuns publicity – briefed American diplomats on widespread severe torture in Indian prisons in Kashmir between 2002 and 2004. The humanitarian organisation argued that the Indian government “condoned” the mistreatment but pointed nonetheless to some signs of progress otherwise.

1. (S) Summary: In a April 1 confidential briefing on GOI detention centers in Kashmir, ICRC XXXXXXXXXXXX described to D/Polcouns torture methods and relatively stable trend lines of prisoner abuses by Indian security forces, based on data derived from 1491 interviews with detainees during 2002-2004. The continued ill-treatment of detainees, despite longstanding ICRC-GOI dialogue, have led the ICRC to conclude that the New Delhi condones torture. The MEA/MHA recently protested ICRC presence and activities in J&K, and keeps the organization in legal limbo, but allows their operations to continue. Security forces in J&K are open to ICRC seminars in international humanitarian law (IHL). ICRC stressed that it was not asking for USG action, but may seek to mobilize support in the future, if its relations with the GOI do not improve. Separately, the media reported that COAS LTG JJ Singh put human rights issues at the center of an April 4 conference of army commanders. End Summary. ICRC XXXXXXXXXXXX XXXXXXXXXXXX gave us a confidential briefing on the ICRC Kashmir program, the first such detailed and organized presentation Embassy has received in a number of years. The XXXXXXXXXXXX have limited the information they have exchanged with us to general comments on the human rights situation in Kashmir and the Northeast “in order to respect their confidentiality agreement with the GOI,” with which relations have been strained. XXXXXXXXXXXX intimated that the reason he was departing from this practice was ICRC annoyance with the GOI, and his view that the USG would be an ally in ICRC attempts to regularize its status in India. The UK, Holland, and France would receive the same briefing, he stated.

Interaction

———–

3. (S) ICRC has been active in India for 23 years, but signed its first and only MOU in 1995, XXXXXXXXXXXX said. Since the last ministerial in 1998, contacts have been at periodic Roundtables with the MEA and MHA, led on the Indian side by a Joint Secretary (A/S equivalent). The atmosphere at these meetings has usually been testy, with GOI interlocutors singling out some ICRC activities as “not part of the MOU,” and occasionally claiming that data presented are “not specific enough” (even going to far as to call some of them “lies”). At recent Roundtables, ICRC has provided thick books to the GOI, which has over time raised fewer questions about the data and focused more on activities that were not carefully delineated in the MOU. Between these meetings, ICRC contact is kept to the Deputy Secretary level (the second lowest in protocol terms). Thus far, ICRC staff had not had problems with visas, he stated. (Note: The MOU was facilitated by the Embassy in the early 1990s and resulted from extensive interaction between the Mission Front Office and XXXXXXXXXXXX. End Note)

4. (S) According to XXXXXXXXXXXX, a MEA Note Verbale from January 30 stated that the GOI values its relations with the ICRC, and also its instruction in international humanitarian law (IHL) to security forces. However, he said the MEA also protested the ICRC’s presence in Srinagar, asking it to “wind up” its operations, advising that its “public activities must stop” (believed to be a reference to a seminar ICRC staff held at Kashmir University on IHL in 2004), and warning against “unauthorized contacts with separatist elements” (which ICRC acknowledges have taken place, including with XXXXXXXXXXXX). (Comment: This GOI request to “wind up” operations in Srinagar seems more like a warning to keep to the letter of the MOU than a real threat to close down there. End Comment)

Detention Center Visits

———————–

5. (S) ICRC staff made 177 visits to detention centers in J&K and elsewhere (primarily the Northeast) between 2002-2004, meeting with 1491 detainees, 1296 of which were private interviews. XXXXXXXXXXXX considered this group a representative sample of detainees in Kashmir, but stressed that they had not been allowed access to all detainees. In 852 cases, detainees reported what ICRC refers to as “IT” (ill-treatment): 171 persons were beaten, the remaining 681 subjected to one or more of six forms of torture: electricity (498 cases), suspension from ceiling (381), “roller” (a round metal object put on the thighs of sitting person, which prison personnel then sit on, crushing muscles — 294); stretching (legs split 180 degrees — 181), water (various forms — 234), or sexual (302). Numbers add up to more than 681, as many detainees were subjected to more than one form of IT. ICRC stressed that all the branches of the security forces used these forms of IT and torture.

GOI Points to Improvements

————————–

6. (S) XXXXXXXXXXXX reported that during recent ICRC interactions with the GOI, officials have maintained that the human rights situation in Kashmir is “much better than it was in the 1990s,” a view he also agreed with. Security forces no longer roused entire villages in the middle of the night and detained inhabitants indiscriminately, as they had as recently as the late 1990s. There is “more openness from medical doctors and the police,” who have conceded that 95 percent of the information on particular cases is accurate. Ten years ago, there were some 300 detention centers; now there are “a lot fewer,” he stated.

General Observations

——————–

7. (S) While acknowledging these improvements, XXXXXXXXXXXXmade a number of additional observations based on ICRC experience in Kashmir that indicate persistent problems:

– There is a regular and widespread use of IT and torture by the security forces during interrogation; — This always takes place in the presence of officers; — ICRC has raised these issues with the GOI for more than 10 years; — Because practice continues, ICRC is forced to conclude that GOI condones torture; — Dialogue on prison conditions is OK, dialogue on treatment of detainees is not; — Security forces were rougher on detainees in the past; — Detainees were rarely militants (they are routinely killed), but persons connected to or believed to have information about the insurgency; — ICRC has never obtained access to the “Cargo Building,” the most notorious detention center in Srinagar; and — Current practices continue because “security forces need promotions,” while for militants, “the insurgency has become a business.”

Trend Lines Constant

——————–

8. (S) XXXXXXXXXXXX showed us two graphs depicting data obtained from interviews conducted during the past two years, with lines and bars tracing the various kinds of ill-treatment. All the lines were zig-zag in nature, but within bands and largely horizontal. There were no clear trend lines, up or down. The lines at the end of 2004 were in an order of magnitude roughly comparable to 2002. He did not attribute the spikes up or down to particular policies in place at particular times, but called them “ad hoc changes.”

Next Steps

———-

9. (S) The ICRC official indicated that his organization would seek another Roundtable with the MEA and MHA between April and June. The ICRC New Delhi office also wants its President to visit India, to raise these and other issues in a meeting with Prime Minister Manmohan Singh. XXXXXXXXXXXX considered this “very important,” although stressed that it was not agreed. After 23 years of activities in country, the ICRC also wants to regularize its status by concluding a formal agreement with the GOI like that enjoyed by UN agencies. Most importantly, ICRC seeks a “purposive, rather than restrictive” interpretation of its existing MOU and and end to IT and torture.

Bright Spot

———–

10. (S) XXXXXXXXXXXX said the one bright spot in ICRC activities was with the security forces. Staff have conducted more than 300 sessions with SF on IHL in Kashmir and elsewhere, which have touched an estimated 20,000 junior grade officers in one way or another. Discussions are underway for further sessions with officers at the headquarters of the Southern Command in Pune (Maharashtra) and Northern Command in Udhampur (J&K).

COAS: Velvet Glove, Iron Fist

—————————–

11. (C) In a separate but related development, the media reported that COAS LTG JJ Singh made military discipline issues the centerpoint of a conference for army commanders April 5, following reports that Defense Minister Mukherjee was disturbed by continued reports of human rights violations by the security forces. Addressing the conference, Mukherkee observed that “we must realize that while dealing with insurgents, we are operating within our own territory and allegations of human rights violations will not only sully the image of the army, but also reduce our effectiveness in tackling militancy.” As part of his “velvet glove, iron fist” approach, Singh has repeatedly stipulated that his officers should use “minimum force” and avoid “collateral damage” in their units in order to reverse declining standards in discipline.

Comment

——-

12. (S) The fact that ICRC reversed its practice of the last several years to provide this briefing to us reflects its frustration with the MEA and MHA, although we note that their experience with security forces in J&K is clearly better than in the past, pragmatic and bordering on the positive. The data showing stable trend lines of ill-treatment and torture in detention centers are very disturbing, because the practice continues unabated. It does not appear that the GOI is planning anything precipitous, but the ICRC is clearly upping the ante with the GOI, which it charges with “not playing ball.” ICRC considers the status quo “unacceptable,” and wants substantive dialogue with the GOI. Their approach to us may be a prelude to a more assertive stance vis-a-vis New Delhi, which could be helpful in goading the Home Ministry and MOD to taking firmer action, but also risks backfiring if the GOI starts to back out of a long-negotiated working relationship which has produced valuable results over the past decade. MULFORD

Tags:

Consensificazione

Posted in Articoli, Il Fatto Quotidiano, Scritti, Video on January 3rd, 2011 by Alberto

Un criptoregime ha bisogno del consenso per sopravvivere. Un consenso specifico, che si costruisce negli anni, plasmando in maniera lenta ma sistematica quel pubblico che, prima o poi, restituirà, sotto forma di sostegno elettorale, le parole chiave che sono state dispensate con pazienza e metodo.

Questa strategia la chiameremo consensificazione.

Consensificazione
[con-sèn-si-fi-ca-zió-ne]
s.f. (pl. -ni)
POL Creazione e/o consolidamento del consenso popolare attraverso metodi e mezzi di comunicazione di massa. Il processo prevede l’uso strumentale, palese o subliminale, di slogan, icone e personaggi del mondo politico, sociale, dello spettacolo, intellettuali, esponenti della società civile e dei media. Affonda le sue radici nelle teorie di Goebbels; trasforma la comunicazione da processo a sostanza politica.
Si veda anche “consensificio” (s.m., la fabbrica del consenso).

La premessa e la parola nuova sono necessarie per proseguire il discorso. A chi guardasse la situazione politica dell’Italia di oggi senza aver studiato – perché di questo si tratta – determinati meccanismi di costruzione del consenso, sembrerà infatti tutto appartenente alla sfera del surreale. Le generazioni più giovani, in particolare, che non possono avere una memoria storica per mere questioni anagrafiche e perché un certo tipo di storia non si studia, brancoleranno nel buio. Si troveranno strattonati fra due fazioni, due curve contrapposte di tifosi, con la politica ridotta a brandelli in termini di contenuti, sempre più forte in termini di proclami. Non avranno elementi per capire.

Ecco perché è importante ricordare certi momenti, analizzarli, introiettarli, affinché a quante più persone possibile sia evidente il funzionamento impeccabile del consensificio, una macchina che a volte sembra perdere colpi, ma che, a lungo termine, ha appiattito il dibattito politico e lo ha reso facile preda di chi parla più forte, di chi ripete più a lungo i medesimi concetti, di chi riesce a far passare in maniera pervasiva determinati slogan.

E’ nelle questioni più insignificanti che il procedimento raggiunge vette inaspettate. Osserviamo tre video tratti da altrettante trasmissioni televisive Fininvest: sono stati riproposti alcune volte da Blob (uno di essi, il primo, si è visto nella puntata di capodanno) e se ne trova, fortunatamente, traccia in rete (i numeri delle visualizzazioni dimostrano come siano stati visti poche volte, rispetto all’importanza che episodi del genere, sommati e accumulati negli anni come i rifiuti che a lungo andare generano montagne e poi emergenze), possano rivestire, nella storia di un Paese.

Ecco Raimondo Vianello che si rende protagonista di un dialogo con Antonella Elia a Pressing, una trasmissione in cui si parla di calcio:

La Elia fa la parte della svampita e, sotto elezioni, dopo la discesa in campo del Cavaliere, chiede a Raimondo per chi voterà. Quel che segue, fra il conduttore che si imbarazza e si schermisce – Vianello dirà, in seguito, che non era un momento previsto, quello, e che accadde tutto per caso – è un vero e proprio spot elettorale per Berlusconi e Forza Italia. Anzi, è qualcosa di più di uno spot, giacché Vianello ha una certa immagine, per i suoi spettatori. Così, il gioco è fatto, quando afferma: “Io ho la fortuna di conoscere, finalmente, il candidato per cui voterò, perché ci ho lavorato per diversi anni. [...] L’ex presidente. Della Fininvest”.

Bisognerebbe non esagerare aprendo anche una parentesi sull’immagine della donna offerta in quella che venne definita una “gag” – non è una gag. Le parole sono importanti -, ma qualche riga in merito è inevitabile. La parte finale del dialogo, infatti, rasenta il capolavoro. Sguardo vacuo, la Elia dice, corroborando il ruolo da opinion leader per gente semplice di Vianello: “Allora voto anch’io. Perché io mi fido ciecamente di lei. Allora la seguo. Anche perché io non ho idee politiche”. Raimondo chiosa: “Lei non ha un’idea”. Perfetto. Target del programma: appassionati di calcio. E’ il 1994. Siamo in piena campagna elettorale.

Nel secondo video c’è Mike Bongiorno che fa a sua volta il panegirico di Berlusconi a La ruota della fortuna:

Non ha bisogno di compagnia o di domande che lo portino a dire quel che pensa, Bongiorno. Lo fa sua sponte, in quaranta secondi che terminano con uno dei cavalli di battaglia berlusconiano del futuro, il “Governo del fare”: “Berlusconi, quello che promette, fa”, dice Mike. E se lo dice lui, che lo conosce così bene. Target del programma: casalinghe. E’ il 1994 anche in quest’occasione.

Ma la perfezione si raggiunge, probabilmente, nel terzo video, dove vengono tirate in ballo persino categorie religiose. In embrione, c’era già il partito dell’amore. Ambra Angiolini ha il suo periodo di gloria a Non è la Rai:

La futura signora Renga – teleguidata dalla cabina di regia di Boncompagni, con tanto di auricolare, altrimenti detto phonak – ricorda più volte ai giovani e ormonosi spettatori del programma lolitesco che “il Padreterno tifa per Berlusconi, Forza Italia e tutto il coro” e invece “Satana (come Stalin) tifa per Occhetto”. Target del programma: giovani. Inutile a dirsi: siamo sempre campagna elettorale, primavera ’94. Silvio Berlusconi è appena sceso in campo, l’Italia è in stato di shock post-tangentopoli e attraversa un periodo di transizione, che in molti identificano come passaggio fra Prima e Seconda Repubblica – un passaggio meramente nominale e giornalistico, tutto sommato. Ed è in questo stato di shock che la fabbrica del consenso può operare meglio.

Questi brevi video sono tre esempi perfetti di consensificazione attraverso l’uso sistematico di un mezzo pervasivo come la televisione, per giunta per bocca di tre icone del tubo catodico. E’ un uso che va ben oltre gli episodi specifici e che si mantiene pressoché costante dal 1994, in maniera più o meno spudorata, più o meno subdola. Il che spiega perché non ci si dovrebbe meravigliare quando si scopre che nonostante tutto – ma tutto cosa? Quanti sanno in maniera informata degli scandali di B.? Quanti, oggi, ne hanno una visione d’insieme? Quanti, allora, vedevano Pressing, La ruota della fortuna, Non è la Rai? -, il premier mantiene il favore di una buona fetta di italiani.

Potrebbero sembrare discorsi stantii e poco utili. Si potrebbe archiviare il tutto come inezie senza importanza. Ma non è così, e non vale certo solamente per Berlusconi: basta dare un’occhiata a spot e tecniche utilizzate, per esempio, dal Forum per il nucleare – tecniche già ottimamente spiegate da Bruno Ballardini sul suo blog – per capire che il consensificio opera sempre con meccanismi analoghi, raffinando le tecniche in maniera progressiva per dedicarsi anche a idee da veicolare e non solo a personaggi da promuovere.

Ecco perché conoscere i meccanismi, ripeterli, diffonderli quanto più possibile affinché ciascuno possa costruirsi gli anticorpi contro la consensificazione – di qualsivoglia colore politico – diventa fondamentale per costruire pensiero critico.

Certo, c’è il fatto che un criptoregime ha bisogno anche del dissenso, per la logica narrativa della costruzione dell’antieroe, una volta che l’immagine dell’eroe è stata ben plasmata.
E c’è anche la passeggiata a braccetto che, a volte, riunisce sistema e antisistema. Nei già citati think tank, per esempio.

Ma di questo parleremo un’altra volta, se vorrete. Ci vuole tempo.

Tags: , , ,

Non cliccate su mi piace

Posted in Il Fatto Quotidiano, Scritti on January 1st, 2011 by Alberto

Alberto Puliafito E’ un processo lento e inesorabile, quello che mi va di sviscerare in questa fine 2010. Non che il Capodanno sia mai stato questo gran rito di passaggio, in effetti. Eppure, i riti di passaggio sono stati importanti e dovrebbero esserlo ancora. La festa, la socialità, sono importanti. I sogni collettivi sono importanti. Come le parole. Ma quel processo lì, cui si assiste spesso inermi, se non complici, opera una metamorfosi delle parole, cancella i sogni collettivi e riempie le pance di pochi eletti. Quelli non eletti, provano a riempirsele da sole, come meglio possono.

Mentre festeggiamo, il governo fa passare il Milleproroghe e Napolitano promulga la cosiddetta riforma dell’università – percarità, sollevando alcune eccezioni – un calderone che svuota la parola riforma di qualunque significato.
Il Milleproroghe non esisteva fino al 2005. Giorgio Napolitano, in polemica con Berlinguer, faceva parte, nel Pci, dei Miglioristi (fra le cui fila militava anche, per dire, un certo Sandro Bondi). Perché la questione morale non aveva importanza.

Festeggiamo, e siamo talmente concentrati sugli scandali nostrani – certo, quando troviamo il tempo per pensarci, fra un boccone e l’altro – che ignoriamo che esista anche un mondo là fuori, che vive quotidianamente, fuori dalle Alpi e dal mare, indipendentemente dalla visione italocentrica che va per la maggiore anche nelle realtà antisistemiche. Festeggiamo e possiamo esprimere il nostro consenso cliccando mi-piace-su-Facebook. Il dissenso, su Facebook, non esiste.

Negli anni ’90, qualcuno parlò della dittatura del pensiero unico. Quel qualcuno si chiamava Ignacio Ramonet, direttore de Le monde diplomatique. Era un’idea, un’idea importante. Un’idea che ci siamo velocemente dimenticati, travolti dalla polvere delle Twin Towers, dal sangue versato al G8 di Genova, plasmati dagli slogan dell’amore e del buonismo, persi fra i meandri della controinformazione, che non dovrebbe essere informazione-contro.

L’antagonismo si radicalizza su posizioni sempre meno condivisibili, perché afferiscono a schemi vecchi e slegati dalla realtà – esattamente come le posizioni di una politica che risponde alle proteste a colpi di zone rosse – e parole d’ordine che appartengono ad un’altra epoca; altre realtà emergenti galleggiano in un limbo a metà fra l’essere virtuosi, il moralismo neocristiano e una narrazione manicheista (buoni contro cattivi) che spesso sfocia nel qualunquismo (siamo tutti un po’ buoni e un po’ cattivi).

Montezemolo
propone una lista civica nazionale – controsenso in termini. Ma anche il concetto di lista civica, è un controsenso in termini cui siamo ormai assuefatti – da una sinistra rosa pallido emergono ventate di alleanza con il cosiddetto terzo polo (nella cui orbita gravitano, senza troppi misteri, ex fascisti): un abominio politico che va al di là di qualsiasi connubio possibile, e che dovrebbe sembrare aberrante a entrambe le parti. Il papa fa i suoi proclami urbi et orbi e poi opera qualche cambiamento sulla Banca vaticana: arriveranno “gli euri” con la sua effigie, si faranno più controlli, ma tanto i conti resteranno cifrati. Tanto, la memoria storica si perde, e degli scandali dello Ior, prima o poi, si ricorderanno in tre.

Fassino (migliorista anche lui, a quanto risulta) si prepara a candidarsi per la poltrona da sindaco di Torino e intanto dice che da operaio voterebbe sì all’accordo per Mirafiori, con buona pace di Moretti e del suo “dì qualcosa di sinistra”. L’eccezione si fa regola; affiorano ovunque associazioni non-profit che sembrano lobby protomassoniche e che si fanno veicolo delle idee dei grandi pensatori dell’anno o del decennio – i think tank, locuzione che fa rabbrividire, a pensarci sul serio. Le differenze si appiattiscono, i santoni si ritagliano le loro prime serate in tv e in tutto questo il pensiero critico – unico vero nemico del pensiero unico – si affossa e marcisce, impegnato a seguire, quando può, come può, quel corteo, questo scandalo di letto, quella P3, quel movimento di un qualche “no”, condivisibile ma limitato a una visione del mondo parziale.

Fra un pezzo di panettone e una bollicina di spumante, rimarrà di sicuro una traccia di quel pensiero critico lì, che – questo l’augurio che mi sento di fare, per quel che vale – potrebbe rinascere dalle ceneri di un anno passato anche sulle barricate, ma senza un disegno comune, un vero sogno collettivo che non fosse la caduta del sovrano.

Rinascerà, si spera. Resisterà e rinascerà da tutte quelle realtà che, lentamente, costruiscono coscienza civica, studiano e informano e non si limitano a sopravvivere. Non darà frutti nel 2011: forse ci vorranno vent’anni. Ma da qualche parte bisogna pur ricominciare, per creare un modello alternativo, con parole nuove e nuovi significati.

E ora, se cliccate su mi piace, si consumerà il paradosso.

(dal blog di Alberto Puliafito su Il Fatto Quotidiano)

Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported
This work by Shockjournalism is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported.