Ancora nelle tende (L’Aquila, 23 ottobre 2009)

E' severamente vietato scattare fotografie - Cartello all'ingresso del Campo di Collemaggio

Il 23 di ottobre 2009 all’Aquila almeno 4mila aquilani sono ancora ospiti delle tendopoli: sono passati 197 giorni dall’evento sismico.

Quelli che i media hanno definito “irriducibili” non sono di persone che hanno deciso di rimanere lì per capriccio, né di facinorosi: sono persone che per esigenze di vario genere hanno bisogno di rimanere all’Aquila (lavoro, figli, genitori, parenti, impossibilità al pendolarismo per vari motivi, necessità mediche…) e devono rifiutare collocazioni a decine e decine di chilometri di distanza, in alberghi, dopo sei mesi di vita in tenda.
Se fossero state ascoltate le richieste di chi da tempo sottolineava come le scelte – tutte dall’alto – di questa gestione post-sisma contenessero gravi errori di valutazione, oggi forse non ci si troverebbe in questa situazione.
Il piano di gestione post-sisma, che, per la prima volta nella storia della gestione dei terremoti e dell’emergenza ha visto la scelta di saltare a pié pari la fase dei moduli rimovibili mostra ora almeno una parte delle sue gravi criticità. Le altre – consumo permanente del territorio, disgregazione sociale in new town – mostreranno i loro effetti nei prossimi anni.

One Response to “Ancora nelle tende (L’Aquila, 23 ottobre 2009)”

  1. Twitted by Italopolis Says:

    [...] This post was Twitted by Italopolis [...]

Leave a Reply

Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported
This work by Shockjournalism is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported.