Abituarsi alla fine. Consapevolmente

Nel settimo e ultimo capitolo del mio secondo libro, “CROCE ROSSA. Il lato oscuro della virtù”, dal titolo Abituarsi alla fine (che è anche il titolo di una canzone de “I Ministri”) trovate questa citazione.

«Forse l’atteggiamento più opportuno è quello d’imparare a conoscere la macchina e i meccanismi, per non essere ingannati; di abituarsi a prendere l’informazione per ciò che è, un universo ben separato dalla realtà;
e infine, di diffidare: dare del lei all’immagine, quando lei ti dà del tu.»

Claudio Fracassi, Sotto la notizia niente, i libri dell’Altritalia, 1994

Poi, la dedica ai ragazzi di Pinerolo Preoccupata, una realtà giovane, che “resiste”.

Il motivo per cui si parla di Fracassi dovrebbe essere chiaro: parlare della Croce rossa in Italia non è per nulla facile, perché c’è, alla base, una straordinaria questione che riguarda il marchio – solo la chiesa che racconta Bruno Ballardini ha un marchio più forte di quello della Croce rossa – e il marketing.

Qualunque notizia negativa verrà compensata, con estrema facilità, grazie al marchio. Prima della rivoluzione culturale, prima delle verità giudiziarie, bisogna necessariamente rivoluzionare il nostro rapporto con l’informazione. Con i loghi. E con la comunicazione.

Leave a Reply

Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported
This work by Shockjournalism is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported.