Pompei: ora indaga la procura

Posted in Articoli, Il Fatto Quotidiano, Scritti on August 20th, 2010 by Alberto

La procura di Torre Annunziata apre un fascicolo sulla gestione dell’area archeologica di Pompei da parte del Dipartimento di Protezione civile. Cosa c’entrino uomini e donne di Bertolaso, con Pompei, ce lo siamo chiesto in molti, semplicemente in base al buonsenso. Poi se l’è chiesto la Corte dei conti ¹. Ora se lo chiede anche il procuratore Raffaele Marino. Ci è voluto un esposto - denuncia della UIL Beni e attività culturali, per attivare la procura.

Read more »

Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

Terremoto alle Eolie: torna a parlare Bertolaso

Posted in Articoli, Il Fatto Quotidiano, Scritti on August 17th, 2010 by Alberto

Com’era naturale attendersi, dopo la scossa di magnitudo 4.5 che ha colpito le Eolie, torna a farsi vedere e a parlare in pubblico il Capo Dipartimento della Protezione civile Guido Bertolaso. Come se in questi mesi non fosse successo nulla che lo abbia riguardato. E Bertolaso torna accusando gli altri, come al solito. Come all’Aquila c’erano responsabilità pregresse Read more »

Tags: , , , , ,

Berlusconi dà i (suoi) numeri sull’Aquila. Torna il Dipartimento?

Posted in Uncategorized on July 30th, 2010 by Alberto

Silvio Berlusconi torna a parlare dell’Aquila e annuncia di aver deciso – alla faccia della partecipazione dei cittadini – con Gianni Letta: “riprendiamo nelle mani come governo, come presidenza del Consiglio e come dipartimento della Protezione civile la ricostruzione de L’Aquila”.

E, come tutte le volte in cui parla dello straordinario lavoro fatto dopo il terremoto del 6 aprile, il premier dà i numeri e li gonfia a dovere. Oltre a plasmare una realtà mediatica che può essere facilmente smantellata. E che deve essere smantellata sistematicamente.
Dice il Presidente del Consiglio: “Abbiamo saputo reagire al terremoto costruendo in 10 mesi abitazioni antisismiche per oltre trentamila persone collegate a scuole, asili, negozi e chiese. Non è mai stato fatto al mondo a seguito di nessuna catastrofe”.

Trentamila persone è il dato più facile da smentire. Non c’è nemmeno bisogno di andare all’Aquila, per smontare la dichiarazione. Basta prendere i dati ufficiali del Dipartimento di Protezione Civile. Le C.A.S.E. (provvisorie e in comodato d’uso) sono per 14.454 sfollati.

I M.A.P. (provvisori anche quelli) sono per 2.515 sfollati all’Aquila e 3.026 nei comuni del cratere. Il totale fa 19.995. Ventimila persone.

Non trentamila.

I numeri sono importanti, come le parole.

Per smontare il dato “collegate a scuole, asili etc…” occorrerebbe fare uno sforzo e recarsi nel capoluogo abruzzese, per scoprire che questi collegamenti non ci sono, che le “new town” più grosse sono delle cattedrali nel deserto, dei non luoghi senza servizi, e che la viabilità ha enormi problemi di traffico.

Berlusconi prosegue: “Abbiamo stanziato 15 mld per il terremoto in Abruzzo per le abitazioni ne abbiamo spesi meno di due e dunque ce ne sono 13 da spendere per la ricostruzione. Purtroppo le istituzioni locali non hanno saputo intervenire per dare il via ai lavori e quindi riprendiamo nelle mani la ricostruzione».

Tanto per cominciare, i 15 miliardi di euro per il terremoto sono stati stanziati da qui al 2032: è una cifra importante, ma dilazionata nel tempo.
Secondo il premier, poi, la colpa di un’Aquila ferma e fantasma ricade – una retorica che va avanti da mesi – sulle istituzioni locali, definite ancora una volta incapaci.

Reagisce, il Sindaco Massimo Cialente, in conferenza stampa: ”Le parole del Presidente del Consiglio? Uno degli atti piu’ gravi dal punto di vista istituzionale. Accusare
gli Enti locali di incapacita’ amministrativa, quando le colpe sono altrove, e’ stata da parte del Premier maleducatezza e scostumatezza istituzionale. Quanto al paventato ritorno della Protezione civile in citta’ e’ una questione di democrazia, di moralita’, di trasparenza”.
Per mesi le linee guida sulla ricostruzione delle case E sono state bloccate. Ora si bloccano anche i lavori sulle case A e B, non si chiariscono empasse burocratici, non arrivano i soldi per il ristoro alle attività produttive. Dal primo febbraio, la città dell’Aquila è stata di fatto abbandonata a se stessa, finito lo show e archiviato il caso come “Miracolo Aquilano”.

Ma lentamente la verità viene a galla, e l’unica soluzione che immagina Berlusconi, insieme a Gianni Letta, è quella di rimandare il Dipartimento di Protezione Civile all’Aquila.

Perché così si può decidere in maniera muscolare, a colpi di deroghe e di ordinanze.

Tags: , , , , , , , , , , ,

Berlusconi dà i (suoi) numeri sull’Aquila. Torna il Dipartimento?

Posted in Articoli, Scritti, Shockjournalism.com on July 30th, 2010 by Alberto

Silvio Berlusconi torna a parlare dell’Aquila e annuncia di aver deciso – alla faccia della partecipazione dei cittadini – con Gianni Letta: “riprendiamo nelle mani come governo, come presidenza del Consiglio e come dipartimento della Protezione civile la ricostruzione de L’Aquila” Read more »

Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Bertolaso all’Aquila. Vietato contestare l’ennesima “facciata mediatica”. E la deroga sui riti religiosi

Posted in Comando e Controllo, L'Aquila 2009, L'Aquila 2010 on June 11th, 2010 by Alberto

Oggi Guido Bertolaso è andato all’Aquila insieme a Gianni Letta per inaugurare la facciata restaurata della Basilica di Santa Maria di Collemaggio.

L’ennesimo miracolo di Governo e Protezione Civile nel post-terremoto aquilano, penseranno gli italiani. E invece si tratta dell’ “Ennesima facciata mediatica”, come recita uno striscione esposto da alcuni manifestanti.

Perché la facciata di Collemaggio, come sanno molto bene tutti gli aquilani e come è bene che sappiano tutti gli altri, era in ristrutturazione – e quindi con impalcatura e puntelli – ben prima del terremoto del 6 aprile 2009. Motivo per cui non è crollata alle 3:32 di quella notte infausta.

Motivo per cui questa inaugurazione non ha nulla a che vedere con Guido Bertolaso, che pure non perde occasione per allungare il già interminabile elenco di eventi pubblici in cui ricopre il ruolo del superuomo che ha salvato L’Aquila e i suoi abitanti.

Sul sito ufficiale della Protezione Civile la notizia è in rilievo: “La facciata “dis-velata” della Basilica di Collemaggio”. Il comunicato dell’efficientissimo ufficio stampa del Dipartimento comincia così: “Liberata dai ponteggi che ne hanno permesso il consolidamento e il restauro, in seguito al terremoto del 6 aprile 2009, si inaugura oggi all’Aquila la facciata della Basilica di Collemaggio. 

La cerimonia si svolge alla presenza del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Gianni Letta e del Capo della Protezione Civile Guido Bertolaso. Partecipano anche l’Arcivescovo dell’Aquila, Giuseppe Molinari e il vescovo ausiliario, Monsignor Giovanni D’Ercole. ”

Alcuni aquilani si sono recati nel piazzale, con striscioni, cartelloni e pistole ad acqua, per contestare e per ironizzare sulle recenti esternazioni del premier Silvio Berlusconi, che aveva detto di temere che qualcuno potesse sparare in testa agli uomini della Protezione Civile.

Ma la contestazione è stata “oscurata”: pur di non esporle agli slogan scherzosi dei manifestanti, le personalità presenti sono fatte passare attraverso la Porta Santa, che normalmente viene aperta una volta all’anno, il 28 e il 29 agosto, in occasione della Perdonanza: chi la attraversa beneficia del perdono dei propri peccati.

Pare dunque che oggi all’Aquila si sia andati in deroga persino al rito religioso: Letta, Bertolaso e compagnia si sono presi il perdono l’11 di giugno, fuori stagione. E senza il bisogno di un’ordinanza di Protezione Civile

Non si è andati in deroga, invece, al “Comando e controllo” che da oltre un anno imperversa sul territorio aquilano: come racconta Sara Vegni, la ventina di manifestanti – erano presenti alcuni membri del 3e32 e altre persone comuni, fra cui docenti universitari – è stata allontanata in modo brusco dalle forze dell’ordine, che hanno strattonato qua e là e strappato via di mano ai manifestanti cartelli e striscioni.

All’Aquila è vietato contestare.

Tags: , , , , ,
Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported
This work by Shockjournalism is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported.