Riforma della Protezione Civile – Il testo

Posted in Protezione Civile on April 13th, 2012 by Alberto

Tutti i Governi mettono mano alla Protezione Civile da quando esiste: è una verità comprovata dai fatti. Che dimostra, se ancora ce ne fosse bisogno, quanto sia importante la Protezione Civile per un Governo, a seconda delle proprie inclinazioni (fu il governo Berlusconi ad esaltare il Dipartimento gestito da Guido Bertolaso con la trovata dei “Grandi eventi”. Ma il centrosinistra non si tirò certo indietro).

Anche il Governo Monti non fa eccezione. Ma il gruppo di lavoro (composto da Antonio Catricalà, Sottosegretario di Stato alla PCM, Mario Canzio, Ragioniere generale dello stato,Vincenzo Fortunato, Capo Gabinetto MFF, Franco Gabrielli, Capo Dipartimento Protezione Civile, Giuseppe Procaccini, Capo Gabinetto Ministero Interno, Massimo Lasalvia, Vice Capo DAGL PCM) che avrebbe dovuto discutere delle modifiche da apportare al milleproroghe di Tremonti, dichiarato parzialmente incostituzionale con l’ormai celeberrima “tassa sulla disgrazia”, si è impegnato, alla fine, a modificare la legge 255 del 24 febbraio 1992, ovvero la legge istitutiva del Dipartimento. La stampa nostrana si concentra prevalentemente sulla “notizia” degli sms da tassare in caso di calamità (pare già saltata), o sulla possibilità di aumentare le accise sui carburanti per l’emergenza. Ma le questioni che emergono da una più approfondita analisi del testo della riforma (che comunque potrà essere emendato, trattandosi di un decreto legge), sono ben altre. Le vedremo nel corso della giornata.

Nel frattempo, ecco il testo della bozza oggi in esame al Consiglio dei Ministri.

Alberto Puliafito (@albertopi)
Comando e Controllo (@statodemergenza)

Read more »

Tags: , ,
Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported
This work by Shockjournalism is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported.